CULTURA FUTURO URBANO
Guarda il video

CULTURA FUTURO URBANO

Il Piano Cultura Futuro Urbano è un progetto del MiBAC che nasce per promuovere iniziative culturali nelle periferie delle città metropolitane e nei capoluoghi di provincia di tutta Italia. Un Piano d’azione di 25 milioni di euro entro il 2021, che finanzierà la realizzazione di nuovi servizi con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dell’intera collettività urbana, donando nuova personalità a scuole, biblioteche e opere pubbliche rimaste incompiute.

Un progetto intersettoriale d’avanguardia che invita alla collaborazione civica, un patto con la società civile che mira a promuovere le condizioni per cui i cittadini possano coltivare i propri talenti, non solo in ambito strettamente culturale ma anche umano. Cultura Futuro Urbano investirà sia negli spazi ad uso pubblico delle scuole e biblioteche, per offrire agli abitanti dei quartieri complessi nuovi servizi, sia per il completamento di opere pubbliche rimaste incompiute, così da renderle finalmente fruibili alla collettività.

Il progetto sarà coordinato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del MiBAC e si articolerà in tre azioni strategiche: Scuola attiva la cultura, Biblioteca casa di quartiere e Completati per la cultura.

Perché la cultura crea bellezza.


Scuola attiva la cultura

Scuola attiva la cultura

Per far sì che la scuola si apra come spazio pubblico per attività culturali

SCOPRI DI PIÙ

Biblioteca casa di quartiere

Biblioteca casa di quartiere

Per potenziare e ampliare risorse e servizi culturali anche nelle fasce orarie e nei giorni prefestivi e festivi

SCOPRI DI PIÙ

Completati per la cultura

Completati per la cultura

Per offrire nuovi servizi culturali completando opere pubbliche rimaste incompiute

SCOPRI DI PIÙ

25 MILIONI DI EURO PER PROGRAMMI CULTURALI

IN AREE PRIORITARIE E COMPLESSE DA REALIZZARSI ENTRO IL 2021

TROVA L'AVVISO

Inizia la tua ricerca dall’home page per individuare l’avviso pubblico che risponde alle tue necessità.

I due bandi del Piano Cultura Futuro Urbano attivi dal 7 maggio 2019 fino alle ore 12:00 del 5 luglio 2019 sono:

  • “SCUOLA ATTIVA LA CULTURA”, bando rivolto a tutte le istituzioni scolastiche statali secondarie di primo e secondo grado delle città metropolitane e città capoluogo di provincia singolarmente e/o loro reti e consorzi anche come capofila di partenariati.
  • “BIBLIOTECA CASA DI QUARTIERE”, bando rivolto a tutte le biblioteche civiche, le biblioteche gestite in maniera non profit da fondazioni, associazioni culturali, università, centri di ricerca non profit, istituti di alta formazione, enti del Terzo Settore situate in quartieri prioritari e complessi di città metropolitane e città capoluogo di provincia, singolarmente o attraverso forme associative, reti e consorzi.

SCEGLI I PARTNER

Gli avvisi promuovono la collaborazione civica. Di seguito esempi di soggetti per il partenariato che potranno essere coinvolti nel progetto in forma di partner semplice o co-finanziatore:

  • Enti pubblici, regioni, comuni, province (es. assessorati alla cultura);
  • Associazioni e Istituzioni culturali non profit;
  • Fondazioni non profit;
  • Università e Centri di Ricerca non profit;
  • Associazioni, comitati o gruppi informali di cittadini attivi.

Alcuni esempi di soggetti per il partenariato in qualità di co-finanziatori:

  • Esercizio commerciale o artigianale di vicinato e di quartiere anche con riferimento a mestieri antichi e/o tradizionali;
  • Imprese culturali e creative;
  • Professionisti esperti di progettazione culturale per la creatività urbana.

CREA IL TUO ACCOUNT

Per partecipare all’avviso è necessario effettuare obbligatoriamente l'iscrizione online sul sito http://www.aap.beniculturali.it/. L'utilizzo di modalità diverse di iscrizione comporterà l'esclusione del candidato dalla procedura.

  • Collegarsi al sito internet: http://www.aap.beniculturali.it/
  • Cliccare su “Area Riservata” ed inserire i dati del legale rappresentante richiesti. Fare attenzione al corretto inserimento della e-mail del legale rappresentante (non PEC, non indirizzi generici o condivisi, ma mail personale) e del codice fiscale perché, a seguito di questa operazione, il programma invierà una e-mail al proponente con le credenziali provvisorie (Username e Password) di accesso al sistema di iscrizione ai bandi on-line. Attenzione: l’invio non è immediato quindi registrarsi per tempo.
  • Una volta ricevuta la mail collegarsi al link indicato nella stessa. È possibile modificare la password provvisoria con una password segreta e definitiva a vostra scelta che dovrà essere conservata per gli accessi successivi al primo.
  • Completare le informazioni anagrafiche aggiuntive previste nella scheda “Scheda Anagrafica” che sarà comunque sempre consultabile ed aggiornabile.

PREDISPONI LA DOCUMENTAZIONE

La domanda di partecipazione all’Avviso dovrà essere, pena esclusione, prodotta esclusivamente tramite procedura telematica, presente nel sito http://www.aap.beniculturali.it/.

La compilazione della domanda potrà essere effettuata 24 ore su 24 (salvo momentanee interruzioni per manutenzione del sito) da computer collegato alla rete internet e dotato di un browser di navigazione aggiornato tra quelli di maggiore diffusione (Chrome, Explorer, Firefox) che supporti ed abbia abilitati JavaScript e Cookie. La compatibilità con i dispositivi mobili (smartphone, tablet) non è garantita. Si consiglia di effettuare la registrazione e la compilazione per tempo. Non sarà fornita assistenza tecnica nelle 24 (ventiquattro) ore antecedenti la scadenza del termine.

L’utente dovrà compilare i campi relativi alla partecipazione all’avviso pubblico attraverso una serie di campi prestabiliti secondo quanto previsto dal bando, per step successivi, salvando lo stato ad ogni passaggio.

Alla fine del processo di compilazione del formulario di partecipazione, il sistema riproporrà i dati inseriti in un documento riassuntivo, comprensivo della domanda di partecipazione contenente anche autodichiarazioni e liberatoria sulla privacy.

Il contenuto della proposta è suddiviso nei seguenti campi:

  1. Denominazione del progetto (i.e. il titolo con cui si intende identificare il progetto stesso)
  2. Descrizione sintetica del progetto (max 140 caratteri spazi inclusi)
  3. Indirizzo della scuola o della biblioteca sede del progetto (deve consentire identificazione del quartiere prioritario e complesso)
  4. Persona fisica legale rappresentante per il progetto (fornire i relativi dati identificativi e di contatto telefonico, email, pec istituzionale)

  1. Descrizione del soggetto proponente (scuola proponente/capofila o rete/consorzio proponente o biblioteca)
  2. Descrizione sintetica del Partenariato
  3. Descrizione sintetica dei Partner che presentano lettere di intenti
  4. Descrizione sintetica dei Soggetti che forniscono lettere di supporto
  5. Descrizione sintetica dei Soggetti Co-finanziatori

  1. Obiettivi e finalità del progetto anche in relazione alle finalità dell’avviso pubblico, in particolare gli obiettivi strategici, indicati all’art. 1 del bando.
  2. Descrizione dettagliata del metodo previsto ai sensi dell’art. 4 del bando.
  3. Descrizione dettagliata delle attività previste dal progetto ai sensi dell’art. 5 del bando.
  4. Priorità e complessità dei quartieri nei quali si interviene alla luce dei criteri indicati nella sezione A) dell’Allegato 1 del bando.
  5. Innovatività della proposta progettuale alla luce dei criteri indicati nella sezione B) dell’Allegato 1 del bando.
  6. Descrizione degli impatti economici, sociali, ambientali, urbani e culturali attesi alla luce dei criteri indicati nella sezione C) dell’Allegato 1 del bando.
  7. Programmazione provvisoria di tutte le attività previste con indicazione della data di inizio e di fine (inserire allegato in formato pdf con diagramma di Gantt)
  8. Budget complessivo (inserire allegato in formato pdf – vd. esempio di budget)
  9. Indicazione e descrizione degli spazi dedicati alla pubblica fruizione, con planimetria allegata in formato pdf, identificati dal proponente, modalità di utilizzo ed apertura degli spazi individuati
  10. Ulteriore documentazione amministrativa e tecnica (inserire allegati in formato pdf)

  1. Descrizione dell’intervento manutentivo
  2. Computo metrico estimativo redatto dall’ente locale proprietario dell’immobile
  3. Planimetria (inserire allegato in formato pdf)

  1. Domanda di partecipazione
  2. Per partenariati costituiti: Accordo di Partenariato (descrizione dei partner, le loro specifiche funzioni ed attività svolte per la realizzazione del progetto, mandato collettivo speciale al beneficiario, impegni reciproci, ecc.)
  3. Per partenariati costituendi: Lettere d’intenti a costituire un partenariato ed eventuale preliminare o bozza di accordo di partenariato
  4. Lettere di supporto di soggetti sostenitori facenti parte della rete
  5. Lettere di impegno al co-finanziamento

  1. Curriculum scuola proponente o capofila ovvero curriculum di rete/consorzio di scuole proponenti o biblioteca (max 2 pagine ogni pagina max 2000 caratteri- spazi inclusi). Nel caso della biblioteca Curriculum del bibliotecario stabilmente coinvolto nel progetto o attestazione dell’associazione professionale competente. Contatti diretti di ciascun legale rappresentante.
  2. Curricula di partner di costituiti o costituendi partenariati. Breve curriculum di max 1 pagina (2000 caratteri spazi inclusi) di ognuno degli eventuali partner.
  3. Curricula di partner co-finanziatori. Breve curriculum di max 1 pagina (2000 caratteri spazi inclusi) di ognuno degli eventuali partner.

INVIA LA TUA PROPOSTA

Tutta la documentazione prodotta, pena di esclusione, dovrà essere firmata digitalmente dal legale rappresentante ai sensi dell’art. 15 della Legge n. 241/1990 così come modificato dall’art. 6, c. 2, Legge n. 221/2012.

Il legale rappresentante dovrà:

  • Predisporre, seguendo le indicazioni in piattaforma, il download del file pdf, comprensivo di tutti gli allegati.
  • Firmare digitalmente il file pdf in formato p7m e caricarlo sul sistema. La partecipazione al bando si riterrà conclusa solo dopo aver espletato quest’ultimo passaggio.

Il legale rappresentante riceverà una e-mail di conferma di avvenuta ricezione della domanda.

La procedura informatica per la presentazione delle domande sarà attiva a partire dal giorno 7 maggio 2019 e verrà automaticamente disattivata il 5 luglio 2019, giorno di scadenza dell'avviso, alle ore 12:00. Dopo tale termine non sarà più possibile effettuare la compilazione online della domanda di partecipazione e non sarà ammessa la produzione di altri documenti a corredo della domanda. Non sarà inoltre più possibile effettuare modifiche e/o correzioni. Il termine di cui sopra si intende perentorio. Saranno escluse le domande non inviate secondo le modalità sopra indicate.